Ulisse Di Corpo

 

Psicologo e Statistico

 

 

Bilanciare entropia e sintropia

 

L'equilibrio tra entropia e sintropia può essere rappresentato da un'altalena con ad un'estremità l'entropia e all'altra la sintropia. Quando l'entropia diminuisce, la sintropia aumenta e viceversa.

 

 

L'obiettivo della vita è aumentare la sintropia, ma le nostre attività producono entropia. Quando aumentiamo la sintropia e riduciamo l'entropia, il mondo invisibile si mostra nella forma delle sincronicità.

 

Carl Gustav Jung e Wolfgang Pauli aggiunsero le sincronicità (cioè la sintropia) alla causalità. Le sincronicità sono eventi apparentemente non correlati che si verificano assieme, raggruppati dalle stesse cause finali:

 

 

Nella descrizione di Jung e Pauli, le cause agiscono dal passato, mentre le sincronicità dal futuro.

 

Le sincronicità sono significative in quanto convergono verso un fine, fornendo direzione e scopo.

 

Per capire meglio il gioco tra entropia e sintropia è utile un esempio reale. Si tratta di un uomo single, le cui spese superavano il reddito di oltre cinquecento euro al mese! Non aveva nessuno a cui chiedere aiuto e si sarebbe presto dovuto indebitare. Iniziò a ridurre le spese: niente soldi nel portafoglio, niente credito nel telefono cellulare. Ma le cose andavano di male in peggio. A questo punto decise di chiedere aiuto. Vediamo come è andata.

 

Quanto spendi per il tuo cellulare?

Circa 40 euro al mese, ma mi trovo sempre senza credito.

Perché non cambi gestore? Ci sono offerte interessanti. Con soli 10 euro al mese puoi avere minuti e SMS illimitati e 50 gigabyte di internet.

 

Abbassare l’entropia è sinonimo di risparmiare, ma ciò deve essere fatto mantenendo o aumentando la qualità della vita. Ad esempio, modificando un vecchio contratto oneroso. In questo caso cambiare compagnia telefonica e scegliere un contratto di ultima generazione ha portato ad aumentare la qualità della vita e ad abbassare le uscite di oltre trecento euro l’anno! Il trucco è quello di migliorare la qualità della vita risparmiando. Perché la sintropia si possa attivare dobbiamo in questo esempio ridurre le uscite di almeno seimila euro l’anno.

 

Porti le camice in lavanderia?

Le lavo io, ma non le so stirare. Le porto in lavanderia per farle stirare.

Quanto ti costa?

Tra i 50 e i 70 euro al mese.

Perché non chiedi alla tua donna di servizio se con 8 euro in più al mese ti stira le camicie?

 

La donna di servizio accettò subito. Ci troviamo così avanti ad un’altra piccola ottimizzazione che fa risparmiare oltre seicento euro l’anno, ma che aumenta notevolmente la qualità della vita. La persona si ritrova infatti senza il fastidio di andare in lavanderia a portare e riprendere le proprie camice. Di nuovo un aumento della qualità della vita riducendo le uscite! Queste prime due ottimizzazioni hanno abbassato l’entropia di circa un migliaio di euro l’anno. Dobbiamo arrivare a seimila euro per bilanciare le uscite e le entrate, prima che la magia del mondo invisibile inizi a manifestarsi!

 

Vai al lavoro in macchina?

Uso anche lo scooter, per risparmiare, ma il traffico è veramente tanto e pericoloso!

Perché non usi la bicicletta?

Su queste strade?!

No, su percorsi alternativi.

La mia casa si trova nel centro storico, lo studio non è lontano, ma ho sempre considerato la bicicletta impossibile per il dislivello di oltre 30 metri. Arriverei stanco e sudato.

Se devi salire è meglio scegliere una strada ripida ma breve, scendere e spingere, piuttosto che pedalare.

 

Dopo una prova dei percorsi rimase affascinato dalla bellezza dei vicoli del centro storico e dei parchi. Scoprì così che in meno di 25 minuti poteva arrivare al suo studio. In auto o scooter impiegava più tempo. Il giorno dopo ha venduto lo scooter, cancellato l’assicurazione e ha disdetto il garage. In totale altri tremila euro l’anno risparmiati. Con questa semplice ottimizzazione riceve altri benefici: fa esercizio fisico e non ha più bisogno di andare in palestra, più soldi e tempo! Inoltre, risparmia sui costi del carburante. L’entropia è ora diminuita di più di quattromila euro l’anno e la qualità della vita è migliorata! Dobbiamo trovare altri duemila euro prima che la sintropia e il mondo invisibile possano iniziare a manifestarsi.

 

La tua bolletta dell’elettricità supera i 200 euro a bimestre! Come single non dovresti pagare più di 50 euro.

Che cosa devo fare?

Prova ad utilizzare lampadine a basso consumo, ad esempio lampadine LED, e metti il timer allo scaldabagno.

 

Piccoli cambiamenti che hanno richiesto poco tempo e poco denaro. Centocinquanta euro risparmiati a bolletta, novecento euro l’anno. Con questa piccola ottimizzazione la persona si sente felice perché si tratta di scelte ecologiche, la qualità della vita è aumentata. Risparmiare energia lo fa sentire coerente con i suoi ideali. Adesso ha ridotto le uscite di oltre cinquemila euro l’anno! Stiamo per arrivare all’obiettivo dei seimila euro l’anno!

 

Quanto paghi per l’energia elettrica allo studio?

Circa 300 euro ogni due mesi.

Usi lampadine alogene!?

Sì.

 

Scoprì così che poteva risparmiare un altro migliaio di euro l’anno, semplicemente sostituendo i faretti alogeni con faretti LED. Adesso l’entropia è stata abbassata. Bilanciare entropia e sintropia vuol dire ottimizzare aumentando al contempo la qualità della vita.

 

Adesso le uscite non superano più le entrate. La sintropia può iniziare a mostrarsi nella forma di sincronicità, cioè di coincidenze significative.

 

 Quanto paghi per l’affitto del tuo studio?

Niente. L’appartamento è di proprietà delle mie zie.

Potrebbero affittarlo e realizzare un profitto, ma lo usi tu gratuitamente?!

Esattamente.

E le tue zie di che cosa vivono?

Entrambe di pensione sociale e qualche risparmio, ma la loro situazione finanziaria non è buona, si lamentano in continuazione.

Hai mai pensato di affittare una stanza in uno studio di professionisti e lasciare che le tue zie affittino il loro appartamento?

Non ho soldi, non posso permettermi di pagare un affitto!

Come sta andando la tua attività?

Ho pochi clienti, forse a causa della crisi economica, ma anche a causa della posizione dello studio.

Uno studio meno prestigioso, ma in un luogo strategico, ben collegato potrebbe aiutarti ad avere più clienti?!

 

La prima sincronicità è la seguente. Il giorno dopo questo dialogo, come per magia, riceve l’offerta di una stanza in uno studio di professionisti nella zona più centrale della città, al prezzo di soli 250 euro al mese, comprese tutte le utenze! L’appartamento delle zie si trovava in un posto molto bello e prestigioso, ma difficile da raggiungere e non c’era parcheggio: bello, prestigioso, ma scomodo e molto costoso. Tuttavia ha esitato, non ha osato!

 

Il giorno successivo accadde però un’altra sincronicità. Riceve una telefonata dal portiere che gli dice che una compagnia aerea è disposta ad affittare l’appartamento delle zie per 2.800 euro al mese. Le zie gli hanno ovviamente chiesto di trovare subito un altro posto. Per fortuna, il giorno prima aveva ricevuto l’offerta dello studio dei professionisti. Ma non era ancora convinto.

 

La terza sincronicità è la seguente. Il posto al centro si trovava in una zona molto rumorosa: ben collegata, ma caotica. Quello stesso pomeriggio stava camminando nella zona della città che più gli piace. Una zona non centralissima, ma verde, silenziosa e ben collegata. Alla vetrina di un calzolaio vede un avviso per una stanza in affitto presso uno studio di professionisti. L’appartamento era nell’edificio accanto. Ha chiamato ed è andato subito a vedere. Ha deciso immediatamente di affittare la stanza. In una città come Roma è difficile trovare stanze in affitto in studi di professionisti e soprattutto in un posto così bello della città. Quando le sincronicità si attivano veniamo attratti verso luoghi ed eventi che altrimenti non avremmo preso in considerazione e che risolvono i nostri problemi. Le sincronicità si accompagnano con vissuti di calore e di benessere nell’area toracica che ci informano che stiamo andando nella direzione giusta.

 

Ho iniziato a sentire calore e benessere nella zona toracica. Ai miei clienti il nuovo studio è piaciuto. C’è parcheggio, il posto è bello, silenzioso e si trova vicino a una stazione della metropolitana. La mia attività ha iniziato a rifiorire, i miei risparmi sono aumentati e la mia vita privata e sentimentale è migliorata.

 

La sintropia fornisce benessere, felicità e ricchezza. Ma, quando le cose vanno bene è facile ricadere nei vecchi stili entropici e dissipativi. Pochi mesi dopo, riceve una offerta di un lavoro prestigioso all’estero: il suo sogno da sempre! Ha subito accettato e si è trasferito. Lo stipendio era alto, le tasse basse. Improvvisamente era diventato un uomo ricco che poteva condurre la vita da ricco che aveva sempre sognato. Ma così si inverte l’altalena tra entropia e sintropia: la ricchezza porta a vivere in modo entropico, l’entropia si alza, la sintropia si abbassa e di nuovo andiamo verso il fallimento e il malessere!

 

L’azienda straniera era interessata solo a fare soldi, niente etica. Si doveva lavorare quasi cinquanta ore alla settimana, non esisteva altro al di fuori dell’azienda. Si doveva dare la priorità assoluta a ciò che era redditizio, anche se immorale. Pochi mesi dopo provava disgusto per la sua professione. Le tasse erano basse, ma i servizi erano tutti a pagamento. Aggiungendo a ciò l’affitto di casa e le spese connesse al fatto che era straniero, pagava molto di più di quanto guadagnava. Dopo soli sei mesi aveva accumulato più di ventottomila euro di debiti. Il sogno si era infranto ed era diventato un incubo. Dal paradiso era precipitato all’inferno. Non aveva tempo per se stesso, tantomeno per la vita affettiva e relazionale. Ha sentito prima disagio, poi sofferenza, e infine la depressione e l’angoscia sono esplose. Ha deciso di tornare in Italia!

 

Accade spesso così. Bilanciare entropia e sintropia aumenta la qualità della vita, porta a riattivare il flusso della ricchezza, ma appena la ricchezza materiale torna, la persona ricade in una vita dissipativa ed entropica e ritorna di nuovo nella miseria.

 

E’ perciò necessario accompagnare questo percorso con un lavoro di trasformazione interiore, che è la parte seguita da Antonella Vannini.